Dragaggi 2.0: il workshop di Ecofuturo 2014

Quello delle tecniche di sfangamento è un tema molto caro al nostro portale, sempre alla ricerca delle “migliori tecnologie disponibili”, le cosiddette “MTD” note anche come “BAT” (Best Available Techniques). La cosa più bella di molte delle nostre ricerche è scoprire come, molte di queste tecnologie siano proprio di matrice nazionale, come quella della DECOMAR, azienda toscana del gruppo ECOACCIAI di Pontedera, che ha messo a punto un sistema di sfangamento ultra innovativo senza escavatore, dalla grandissima valenza ambientale.
Un tema di stringente attualità, se si pensa agli eventi alluvionali ed al dissesto idrogeologico, che ogni anno incremento il proprio numeratore di danni, e del sempre più angosciante tema legato alle bonifiche anche di specchi d’acqua,. che assillano e minacciano sempre più il nostro bellissimo e vilipeso paese.
Una tecnologia, quella della DECOMAR che abbiamo approfondito ripetutamente, sia in occasione di un interessante convegno dio apprpofondimento, con focus, il fenomeno della erosione costiera delle spiagge (vedi post) e, proprio pochi mesi fa in occasione della presentazione della tecnologia ad Ecofuturo Festival 2014, presso la struttura Alcatraz di Jacopo Fo.
E’ proprio a quest’ultimo evento che è riferito l’interessante contributo video relativo al workshop, tenutosi nella struttura di Jacopo Fo e coordinato da Fabio Roggiolani, vice Presidente della Associazione Giga e la partecipazione dell’ Ing. Davide Benedetti, l’ideatore della nuova tecnologia italiana di sfangamento, con il contributo scientifico del Professor Giuliano Gabbani, docente del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze.

Categoria: ,
Pubblicato